Planococco, la più temibile cocciniglia della vite

Suterra 26-lug-2022 22.00.00

La cocciniglia farinosa (Planococcus ficus) è un insetto fitomizo che vive sulla vite, nutrendosi della sua linfa.

vmb-soloSi può a tutti gli effetti considerare la cocciniglia più temuta nella viticoltura di tutto il mondo. L'uva da tavola è la più colpita da questo parassita e quella che subisce i danni maggiori, ma anche nei vigneti a uva da vino il planococco è attualmente motivo di preoccupazione e richiede un'attenta strategia di controllo. Oggi conosciamo più da vicino le caratteristiche principali di questo temibile parassita.

 

Che effetti ha la cocciniglia farinosa sulla vite?

VMB-LB4-daño-melazoIl primo effetto è un peggioramento della qualità dell'uva poiché, trattandosi di insetto fitomizo, esso sottrae alla pianta molta linfa, per poi espellere un liquido appiccicoso chiamato melata. I grappoli ne vengono imbrattati, il che favorisce lo sviluppo di funghi saprofiti sugli acini. In viticoltura da tavola il danno è diretto, poiché le uve devono essere pulite e in perfette condizioni. Ma anche in viticoltura da vino questa condizione genera problemi, in quanto complica il processo di vinificazione.

In secondo luogo, alcuni studi dimostrano che il planococco può essere vettore di alcuni virus di grande impatto economico. La cocciniglia farinosa si muove poco e lentamente, ma può comunque acquisire il virus su una vite infetta e trasferirlo a un’altra. In caso di infestazioni pesanti si può verificare il disseccamento delle viti, ma nei vigneti coltivati a scopo commerciale normalmente non si giunge a questi livelli di diffusione del parassita.

 

Il ciclo del parassita

Le cocciniglie svernano normalmente sotto forma di femmine adulte o di ovisacchi nella parte inferiore della pianta. Tendono a spostarsi verso la radice o il colletto radicale e lì si posizionano nelle fessure o sotto la corteccia della vite. Quando le temperature si alzano in primavera, le ninfe di prima età fuoriescono dalle uova e iniziano a nutrirsi, spostandosi gradualmente verso le parti più alte della pianta. Passando attraverso stadi successivi, una parte della popolazione evolve in femmine e continua ad avere l’aspetto tipico da cocciniglia farinosa, mentre una parte della popolazione evolve in maschi, dall’aspetto molto diverso (piccoli insetti alati). Le femmine emettono un feromone naturale che attira i maschi per l'accoppiamento. Una volta che le femmine si sono accoppiate, depongono nuovamente le uova e riparte un ciclo. Nonostante alcune ipotesi infondate al riguardo, è stato dimostrato che in questa specie non si verifica la partenogenesi, e pertanto le femmine devono accoppiarsi per deporre uova fertili. Il numero di generazioni annuali dipende dall’andamento meteorologico, ma in ogni caso il planococco è più prolifico di altre cocciniglie. Nella maggior parte delle aree di produzione di uva da tavola la specie compie 3-4 generazioni all'anno.

 

Confusione sessuale per il controllo della cocciniglia farinosa della vite

Non ci sono molti strumenti per controllare questo parassita. Il più comune è l'uso di un insetticida sistemico che viene assorbito dalla pianta e ingerito dall'insetto (le opzioni sono molto limitate). Alcuni trattamenti con oli possono essere effettuati alla fine dell'inverno. A volte vengono rilasciati in vigneto parassitoidi e predatori, ma il loro uso è molto limitato.

Il principale vantaggio della confusione sessuale è l'assenza di residui. Quando un insetticida sistemico entra in gioco, viene introdotto nella pianta, finisce nel frutto e quindi entra nella catena alimentare.

Dal punto di vista del viticoltore, è una questione di sinergie: controllare completamente il planococco usando solo insetticidi o confusione sessuale è complicato, per cui occorre di integrare alcuni sistemi con altri. Inoltre, l'uso del diffusore passivo di feromoni Chekmate VMB-Pro ritarda lo sviluppo della resistenza ad altre sostanze attive, il che è particolarmente importante, considerato il numero limitato di opzioni. Come nella scorsa stagione, anche nel 2022 Chekmate VMB-Pro di Suterra è l'unico sistema di confusione sessuale autorizzato in Italia per il controllo di Planococcus ficus.

 

Quando si consiglia di applicare Chekmate VMB-Pro?

I diffusori dovrebbero essere collocati in vigneto in primavera, prima del secondo volo dei maschi. L'inizio di tale volo dipende dalle temperature, ma possiamo individuare nella seconda metà di aprile un buon momento per applicare i dispenser. È sufficiente posizionarli una solo volta a inizio stagione, poiché i feromoni vengono rilasciati nell'ambiente per circa sei mesi. Pertanto, posizionarli ad aprile ci garantirà di arrivare in buone condizioni fino ad ottobre. La dose raccomandata di Chekmate VMB-Pro è di 620 unità per ettaro. Essendo P. ficus un parassita poco mobile e molto localizzato, il posizionamento di più dispenser per ettaro rende il prodotto molto interessante e assolutamente efficace.

CheckMate®VMB-Suterra®-header-1

 

https://www.suterra.com/it/products/vmb-pro